CUBOSFERA (poesia in dialetto bresciano)

CUBOSFERA

Nüsü g’ha mai vist na ròba isé
en sércol che se quadra e che va bé

en dado che ridula en de na bala
pròpe rotonda e istèsa tale e quala

na bala che fiurìs en de ‘n quadràt
sensa rià a capì come gh’è ambiàt.

En tancc i g’ha pröàt fes, sensa rià,
el sèrcol, bèl rotont, a fa quadrà

ma ‘l nòs Guido con chèl enzègn speciàl
l’è stat bu de fa sta roba ecesionàl

che pènsa e pènsa e a fòrsa de pensà
la cubosfera l’è riat a ‘nventà.

(Velise Bonfante Marzi)

 

CUBOSFERA

Nessuno ha mai visto una cosa simile
un cerchio trasformarsi in un quadrato

un dado che rotola in una palla
proprio rotonda e perfetta e precisa

una palla che fiorisce quadrata
magicamente.

Molti hanno tentato, molto e senza fortuna,
il cerchio bel rotondo a raddrizzare

ma il nostro Guido con la sua genialità
è riuscito in questa straordinaria impresa

continuando a riflettere e pensare
la cubosfera è riuscito a inventare.

(Velise Bonfante Marzi)